Bitcoin ha molto da fare, ed è per questo che ci sono molti commercianti là fuori che probabilmente sentirebbero il dolore se mai perdessero le loro monete o non potessero accedervi. Per una persona, quel dolore è diventato un ricordo del passato grazie all’aiuto di un esperto di computer piuttosto esperto.

Bitcoin può essere perso per sempre

Mentre circa 18 milioni di unità di Immediate Edge su 21 milioni di unità sono state estratte negli ultimi 12 anni, si stima che ce ne siano molte meno in circolazione, dato il numero di unità perse o rubate. Molti utenti tendono a conservare i loro soldi in portafogli separati o in dischi rigidi per tenerli al sicuro. Con il passare del tempo, tuttavia, si dimenticano dei loro fondi digitali e non prendono nota delle loro password, il che alla fine li tiene fuori dal giro.

Di conseguenza, non possono accedere ai loro fondi, il che significa che c’è un sacco di ricchezza nei loro nomi su cui non riescono a mettere le dita. Per un „ragazzo“ – come lo chiamano gli assistenti – la storia di circa 300 mila dollari in bitcoin inaccessibile ha un lieto fine.

La storia inizia nell’ottobre dello scorso anno, quando un ex ingegnere della sicurezza di Google, Michael Stay, ha ricevuto uno strano messaggio sulla sua pagina LinkedIn. Il messaggio proveniva da una figura anonima che aveva memorizzato diversi bitcoin su un file zip criptato nel gennaio del 2016 e aveva perso le sue chiavi private. Non aveva quindi alcun modo di accedere al denaro e aveva bisogno dell’aiuto di Stay per riaverlo. Si stima che la somma di denaro in questione fosse pari a circa 300.000 dollari.

Dopo un’analisi approfondita della situazione, Stay ha chiesto alla cifra anonima un risarcimento pari a circa 100.000 dollari. Questo coprirebbe tutte le spese necessarie per accedere potenzialmente al file zip, che, nonostante avesse più di tre anni all’epoca, era abbastanza forte e presentava molte sfide. L’uomo accettò l’accordo e Stay si mise al lavoro.

Questo racconto ha un finale positivo

Stay dice che il lavoro è stato tra i migliori che abbia mai fatto, e lo ha reso entusiasta di alzarsi ogni giorno. Egli afferma:

Non mi divertivo così tanto da anni. Ogni mattina non vedevo l’ora di andare al lavoro e di affrontare il problema. Il cifrario è stato progettato decenni fa da un crittografo dilettante. Il fatto che abbia retto così bene è notevole.

Dice che ci sono voluti diversi tentativi per decifrare il file zip, e dopo numerosi fallimenti, Stay è riuscito ad accedere ai bitcoin in questione per molto meno di quanto aveva citato inizialmente. Nel complesso, i costi variavano tra i 6.000 e i 7.000 dollari. Il „ragazzo“ – così felice di riavere i suoi soldi – ha dato a Stay circa un quarto del valore della sua scorta di bitcoin per ringraziarlo.